m

La Carta è un documento in grado di tenere conto delle diversità implicite nei territori coltivati, senza tradire la salvaguardia dei quattro pilastri fondamentali:

  • Dignità,
  • Integrità,
  • Naturalità,
  • Fertilità della Terra Coltivata

I diritti fondamentali della Terra Coltivata sono:

1.  Il Diritto ad non sprecare le risorse alimentari ed energetiche, elargite finora dalla Terra, che non sono inesauribili;
2. Il Diritto di non stressare i terreni con il rischio di doverli po rinvigorire con concimi chimici troppo aggressivi ed ecologicamente insostenibili;
3. Il Diritto di non contaminare le piante e i loro frutti con trattamenti pericolosi per le piante e per la filiera agro-alimentare;
4. Il Diritto di assicurare la sopravvivenza della biodiversità, indispensabile per fronteggiare inattese estinzionidi tipoligie agro-   alimentari, soprattutto di certi tipi di cereali;
5. il Diritto a non distruggere i suoi manti forestali che consentono ad essa, all’uomo, agli anbimali, alle creature marine e a tutte le   specie botaniche di potere respirare; ma che tengono anche in serbo piante ancora da classificare e che possono essere utili all’uomo sia  sotto l’aspetto nutritivo che medicinale;
6. Il Diritto a conservare incontaminate le falde idriche e i fiumi e di non sprecare l’acqua con dissolutezza e con usi          impropri;
7. Il Diritto a mantenere in salute mari e le acque. Sono loro, l’altro nostro grande polmone, l’immensa dispensa di acqua e di cibo e il rifornimento di acqua per le nubi che la restituiscono con le precipitazioni da cui riparte il ciclo idrico;
8. Il Diritto a non sprecare i terreni più fertili per grandi insediamenti industriali ed urbanistici, specie in un periodo di       consumi alimentari in aumento, a causa dell’incremento della popolazione mondiale e della crescita del tenore di vita dei paesi in via di  sviluppo;
9. Il Diritto ad impedire la desertificazione di larghe estensioni di terreni nelle terre subsahariane;
10. Il Diritto a non vedere il suo volto deturpato da immense discariche di rifiuti sempre più invadenti e pericolosi per il            rischio di sversamenti di percolato con il conseguente inquinamento delle falde idriche superficiali;
11. Il Diritto a non intossicare il suo rispiro, l’atmosfera, con inquinanti chimici derivati dalle emissioni di fumi di qualunque          origina, non solo per evitare l’effetto serra ma anche i buchi dell’ozono.

Scarica la Carta

 

© Socialing Institute – Via Vincenzo Monti, 4 – 20123 Milano Italy, P.Iva 08872260966